Rivoluzione Energetica inarrestabile in Italia – Aumentano le FER. Diminuiscono le convenzionali.
Il report mensile del GME (Gestore del mercato Elettrico) è inesorabile, fotografa un sistema di generazione convenzionale basato sulle grandi centrali a carbone e a metano, spesso obsolete in forte decadenza che contrasta con il continuo incremento della produzione da FER (Fonti di Energia Rinnovabile). Il sistema di produzione da FER fondato nella massima parte sulla generazione distribuita fa registrare record dopo record.

Al picco stagionale di luglio, i volumi di energia elettrica scambiati nel Mercato del Giorno Prima, (poco meno di 35.800 MWh medi orari) si confermano sui livelli in assoluto più bassi, lontani dai circa 41.800 MWh del 2008. La flessione delle vendite da unità di produzione a gas naturale (cicli combinati) ed a carbone ha superato il 20%, mentre gli impianti a fonte rinnovabile hanno registrato una crescita dello stesso ordine di grandezza, sospinte dalla fonte idraulica (+33,6%) e solare (+10,8%).

Il prezzo medio di acquisto (PUN), in aumento di 10,62 €/MWh rispetto a giugno (+18,9%), ma in flessione di 15,35 €/MWh (-18,7%) su luglio 2012, si è portato a 66,86 €/MWh. La Sicilia presenta un prezzo di vendita di oltre 105 €/MWh con oltre il 64% superiore rispetto al resto d’Italia.