“Per motivi tecnico-procedurali R&TIA lascia il progetto di costruzione dell’orfanotrofio Le Foyer di Leogane (Haiti) condotto in partenariato con l’associazione culturale RIZIKI di Palermo e ASF Piemonte (Architettura Senza Frontiere)” – annuncia l’ing. Michele Pierotti vice-direttore di R&TIA e responsabile del progetto.

Ovviamente, porteremo a termine gli impegni assunti con RIZIKI all’interno del progetto A partire dai bambini, cioè l’installazione dell’impianto fotovoltaico (FV) presso la costruenda struttura che ospiterà la casa dei bambini Le Foyer a Leogane. Così come verrà portata a termine l’installazione dell’altro impianto FV presso la struttura MUDHA (Mujeres Unidas Dominico Haitianas) di Leogane dove sono ospitati bambini, una scuola ed una struttura di assistenza medico-sanitaria. I materiali dei due impianti FV sono già ad Haiti da fine luglio, afferma Pierotti, e l’installazione avverrà tra ottobre e dicembre da personale di R&TIA.
Anche se, per consentire l’inaugurazione della struttura ai rappresentanti di RIZIKI e di ASF Piemonte in settembre su loro richiesta, stiamo lavorando per formare personale locale in remote affinchè possano installare l’impianto al Le Foyer entro i primi di settembre. Secondo i rappresentanti di RZIKI la struttura architettonica di fatto già completata sarà funzionante entro agosto per consentire il trasferimento dei bimbi e l’inizio puntuale delle lezioni scolastiche.

“L’impegno di R&TIA nel sociale e nella solidarietà internazionale proseguirà – precisa Fabrizio Nardo – con altri progetti nazionali e internazionali. Probabilmente con la Cooperativa Sociale QuetzalLa Bottega Solidale e altri soggetti lavoreremo a sviluppare progetti di cooperazione internazionale e locali che vedranno la luce nel 2012″.
“L’esperienza haitiana è stata motivante e ci ha arricchito tantissimo personalmente e persino tecnicamente – prosegue F. Nardo CEO di R&TIA srl. – Vorrei ringraziare le imprese e le persone che hanno aderito su invito di R&TIA alla raccolta fondi del progetto Le Foyer, tra questi Red Island srl (Caltagirone), Lucauto srl (Gela), Villa Casale sas azienda agricola di Noto (SR), la Coop. Quetzal di Modica e tante altre persone di buona volontà. Il loro apporto finanziario è stato determinante – conclude Nardo”.